Citare documenti accademici come un professionista: 5 formati di scrittura comuni che gli studenti devono conoscere

Quando sei al liceo o all'università, devi affrontare molte sfide accademiche. Queste sfide si presentano in una varietà di forme e forme. Eppure, la scrittura accademica è ancora la più diffusa.

Per decenni, la scrittura è stata un elemento integrante del curriculum e ha causato molta angoscia agli studenti. I giovani di tutte le età stanno combattendo in una lotta continua con la scrittura accademica. E tra una vasta gamma di motivi che rendono la scrittura così difficile c'è una varietà di formati di scrittura a cui è difficile aderire quando si citano i tuoi articoli.

Se ancora non riesci a capire come funziona la citazione e quale ruolo giocano i formati di scrittura in questa materia, sei nel posto giusto. In questo articolo, gli scrittori di saggi online di un esperto del  servizio di saggio ti guiderà attraverso gli stili di citazione più popolari e ti aiuterà a capirli meglio. Immergiamoci!

Cosa significa citare?

Fonte: facebook.com

La citazione è una parte importante della scrittura accademica. E come accennato in precedenza, è anche una delle parti più difficili. Ma prima di passare alla discussione degli stili di citazione più comuni, definiamo in primo luogo cosa significa citare.

“Citare” significa riferirsi a qualche fonte, diciamo, un libro, un brano, un film, un autore specifico, ecc.

Lo scopo principale di fare riferimento a un'altra fonte nel tuo documento accademico è quello di giustificare la tua affermazione o argomentazione facendo appello ai fatti e alle idee di altre persone.

Di norma, in un'opera accademica, gli studenti devono citare le fonti che hanno utilizzato per scrivere sia nel testo che in una pagina separata denominata Opere citate, Bibliografia o Pagina di riferimento.

Che ruolo hanno gli stili di citazione?

Che si tratti di citare nel testo o di organizzare le tue fonti su una pagina separata, devi rispettare una serie di regole di formattazione, che influenzeranno direttamente il tuo voto finale. Tuttavia, non esistono regole di formattazione valide per tutti che gli studenti possono utilizzare per tutti i loro documenti. I requisiti variano per ogni particolare stile di citazione, ed è per questo che impararli è così cruciale.

Se stai lottando con l'apprendimento di diversi formati di scrittura, un modo per risolverlo è chiedere un aiuto professionale. Ad esempio, gli studenti possono assumere servizi di scrittura di saggi e ottenere assistenza professionale con la scrittura, la formattazione e la citazione dei loro documenti. Ma se vuoi capire tutto da solo, lascia che ti guidiamo attraverso i formati più comuni in questo momento!

1. Stile APA

Fonte: facebook.com

Uno degli stili di citazione più utilizzati è l'APA. È in circolazione dal 1929 ed è stato sviluppato dal Associazione Americana di Psicologia, che è ciò che sta per l'abbreviazione. Questo stile si applica a opere accademiche scritte per diversi campi dell'ingegneria, dell'istruzione, delle scienze sociali, ecc.

Per i riferimenti nel testo, l'APA richiede l'uso di citazioni tra parentesi, menzionando il cognome dell'autore, la data di pubblicazione e il numero di pagina. Tutte le fonti con informazioni bibliografiche complete sono poi organizzate in una pagina di riferimenti alla fine del lavoro.

Nel testo: (Fitzgerald, 1925, p. 57).

Citazione: Fitzgerald, SF (1925). Il grande Gatsby. Scribner.

2. Stile MLA

Fonte: facebook.com

Il secondo stile comune è stato sviluppato dalla Modern Language Association. Si applica a opere scritte per discipline umanistiche, letterarie e linguistiche.

All'interno del testo, MLA richiede l'aggiunta di brevi citazioni tra parentesi, specificando il cognome e l'anno dell'autore. L'ultima pagina si chiama Opere citate e include informazioni bibliografiche complete sulle tue fonti. Altri requisiti includono la dimensione del carattere Times New Roman 12 pt, margini di un pollice, titoli in corsivo, doppio spazio e rientro di mezzo pollice per ogni prima riga di un paragrafo.

Nel testo: (Fitzgerald 57).

Citazione: Fitzgerald, Scott. Il grande Gatsby. Scribner, 1925.

3. Stile di Harvard

Questo stile era inizialmente pensato per Università di Harvard gli studenti a citare le loro opere accademiche. Ma ora è ampiamente utilizzato dagli studenti in tutte le strutture educative. Molto spesso, questo stile si applica a documenti in materia di affari, politica sociale, antropologia ed economia. Ma può essere utilizzato anche per discipline scientifiche e umane come assistenza sanitaria, informatica, matematica, architettura, ecc.

Le citazioni nel testo di Harvard seguono la struttura della data dell'autore. E tutte le fonti sono quindi organizzate in un elenco di riferimento.

Nel testo: (Fitzgerald, 1925)

Citazione: Fitzgerald, FS (1925). Il grande Gatsby. Scribner. Stile Chicago

Lo stile successivo fu introdotto per la prima volta nel 1906 dalla Chicago University Press. Questo manuale di stile ha in realtà due formati.

Il primo, in stile Note-Bibliografia, richiede l'inserimento di note a piè di pagina e note di chiusura numerate nel foglio. È usato nelle arti e nelle discipline umanistiche.

Il secondo formato è Autore-Data. È usato nelle scienze sociali e nelle scienze. Secondo questo formato, gli studenti devono specificare il cognome dell'autore e l'anno di pubblicazione quando citano all'interno del corpo principale del loro lavoro.

Nel testo: (Fitzgerald [1925] 1925)

Citazione: Fitzgerald, F.Scott. (1925) 1925. Il grande Gatsby. Scribner.

4. Stile Turabian

Fonte: pinterest.com

L'ultimo stile di citazione è stato sviluppato da Kate L. Turabian. Sebbene sia uno stile distinto, è ampiamente considerato nel manuale di Chicago a causa della sua somiglianza. Questo stile è più spesso utilizzato per tesi, documenti di ricerca e dissertazioni. Il suo più grande vantaggio è che ti consente di citare qualsiasi fonte, inclusi blog, post su Twitter, capitoli di libri e altro ancora.

Nel testo: (Fitzgerald [1925] 1925)

Citazione: Fitzgerald, F.Scott. 1925. Il grande Gatsby. Scribner. (Pubblicazione originale 1925.).

Conclusione

Quindi, questi sono i formati di scrittura che devi conoscere per citare i tuoi lavori accademici come un professionista. Speriamo che la nostra guida ti abbia aiutato a capirli!