L'aumento delle accuse di violenza domestica durante la pandemia

L'inizio del 2023 e la pandemia che ha portato con sé sono senza dubbio una delle cose peggiori accadute all'umanità negli ultimi decenni. La pandemia di coronavirus ha colto il pianeta impreparato a qualcosa di tale portata e grandezza ed è sicuro dire che i leader del mondo hanno deluso i loro cittadini. Più di due anni dopo e non abbiamo ancora finito. A peggiorare le cose, nonostante i numerosi sforzi come misure rigorose e vaccinazioni obbligatorie, COVID-19 e i suoi nuovi ceppi stanno ancora causando numerosi problemi. Diverse parti del mondo hanno problemi diversi. Alcuni paesi sono quasi interamente vaccinati ma ci sono ancora migliaia di casi al giorno. Altri luoghi stanno combattendo contro le vaccinazioni, ci sono proteste nelle strade e il pubblico è piuttosto scontento della vita che è stata fatta vivere negli ultimi 24+ mesi.

Altri tipi di problemi

Fonte: ekathimerini.com

I guai non arrivano quasi mai in un solo modo. Come dice il vecchio proverbio, la sfortuna non arriva mai da sola, e nel caso della pandemia di COVID-19 è stato anche così. Mentre il lato medico delle cose è di gran lunga il peggiore, è ovviamente una pandemia globale, ci sono altri problemi che si sono affiancati ad essa. In questo articolo ci concentreremo su uno di questi problemi, un problema presente nella società da secoli ma che è diventato più evidente e comune durante la pandemia. Stiamo parlando di violenza domestica e delle accuse che ne derivano. Perché c'è stato un aumento della violenza domestica durante il periodo più difficile degli ultimi decenni? Il virus stesso non è un problema sufficiente? La violenza domestica non è mai il modo per risolvere nulla, quindi perché ha registrato un aumento negli ultimi due anni? Continua a leggere per saperne di più su questo. Per saperne di più sulla violenza domestica e altri argomenti criminali, assicurati di dare un'occhiata Calvin Barry Professional Corporation.

Tempo insieme aumentato

Una delle prime e, allo stesso tempo, più diffuse misure che i governi hanno emanato per contrastare l'ulteriore diffusione del COVID-19 è stata il coprifuoco obbligatorio. Questo è stato particolarmente importante dopo il primi mesi della pandemia, verso la metà del 2023 verso la fine dell'anno. La soluzione ovvia per le persone che trascorrevano del tempo insieme e diffondevano il virus inconsapevolmente era farli trascorrere più tempo a casa. Tuttavia, non uscire di casa è direttamente opposto alla nostra natura di esseri. Gli esseri umani sono creature socievoli. Dipendiamo dalla compagnia degli altri per molte cose diverse. Dal lavoro e dall'istruzione all'intrattenimento, allo shopping e al networking, è fondamentale uscire di casa quasi ogni giorno e svolgere le faccende domestiche. Dover trascorrere costantemente del tempo a casa è stressante, imponente e frustrante.

In un ambiente così nuovo, molte persone non sapevano come comportarsi. Coloro che trascorrono poco o nessun tempo a casa durante una normale giornata lavorativa sono rimasti sbalorditi. Non ci vuole molto perché le persone si sentano a disagio anche se si trovano nel proprio territorio, comodamente a casa propria. Ma il problema non si ferma qui. Lontano da esso. Il vero problema con le accuse di violenza domestica durante la pandemia è il fatto che le persone improvvisamente hanno dovuto trascorrere molto più tempo con gli altri membri della famiglia. La violenza domestica può esistere in molte forme diverse. Può essere tra coppie non sposate, coniugi o genitori. Durante la pandemia, tutti questi sono aumentati di numero e il motivo più ovvio è il fatto che le persone hanno dovuto trascorrere più tempo insieme che mai. Molto di piu.

Cambiamenti improvvisi

Fonte: Boldsky.com

Immagina questo: una famiglia di quattro persone, due genitori che lavorano e due bambini in età scolare, che di solito non sono mai a casa insieme per più di qualche ora. Anche allora, non sono davvero tutti in una stanza per più di un'ora o due al giorno. I bambini sono a scuola o attività extrascolastiche. I genitori lavorano, si prendono cura della casa o sono fuori casa fare la spesa. Ora, all'improvviso, i genitori lavorano da casa mentre i bambini seguono lezioni online. I negozi non funzionano e la spesa si fa online. Le consegne di cibo sono online, tutto è online. Per 24 ore, 7 giorni su XNUMX, tutti e quattro i membri della famiglia sono all'interno della casa. Questo è uno scenario senza precedenti e l'esatto opposto di come erano le cose.

Naturalmente, frustrazione e poca simpatia vengono fuori abbastanza rapidamente. Non capendo i bisogni dell'altro perché non si conoscono bene che vengono alla luce. La normale conversazione diventa urla, tutti e quattro i membri della famiglia richiedono il loro tempo da soli, quindi si isolano in stanze separate. Quando ci sono problemi, non si fa più parlando ma urlando. Questo genera l'ambiente perfetto per la violenza domestica. Ci vuole solo un momento perché un individuo frustrato e infastidito diventi violento e abusa fisicamente o verbalmente di qualcun altro. Poi danno la colpa alla pandemia, alle misure e a tutto ciò che è successo. Questo è un esempio da manuale di molte accuse di violenza domestica che sono state denunciate negli ultimi due anni.

Mai la risposta né la soluzione

Fonte: Pinterest

Naturalmente, più famiglie e coppie non sono così. Ci vuole una famiglia già in difficoltà e qualcuno che è nel profondo violento e impaziente che la violenza domestica diventi una realtà nei momenti difficili. È molto più probabile che una famiglia si avvicini durante i tempi difficili e trovi il modo di far funzionare la nuova realtà per tutti. Se i membri della famiglia si amano e si prendono cura l'uno dell'altro, sceglieranno ogni volta protezione e affetto piuttosto che comportamenti offensivi. Molte delle accuse che sono state presentate sono finite per essere ripetuti abusi o individui che erano altrimenti problematici e con una miccia corta. La pandemia non è la ragione per diventare improvvisamente più ai margini e per esprimere violenza domestica. Dovrebbe essere il contrario. Purtroppo, i guai non viaggiano mai da soli, quindi la pandemia ha portato a un numero maggiore di accuse. Ma chi può dirlo un altro tipo di catastrofe globale non avrebbe fatto lo stesso? Una persona violenta uscirà, non importa quale sia la causa. È una cosa intrinseca su cui bisogna lavorare. Senza quello, è solo questione di tempo prima che l'aggressore esca. Non ci deve nemmeno essere una brutta situazione per innescarlo.